INFIAMMAZIONE CELLULARE E RITENZIONE: E’ davvero solo un eccesso di liquidi?

La visione più comune in relazione alla ritenzione idrica è che spesso questa sia caratterizzata da un eccesso di liquidi.

 

Le cose stanno davvero così o la realtà è differente?

 Vediamolo insieme…

 

Esistono differenti cause che spesso vengono ignorate.

Forse anche a te sono state tenute nascoste per diversi motivi che ora non sto qui a dibattere perché di solito tendo a credere che l’essere umano sia buono di natura.

Non per tutti è così…

 

Sia che si sia trattato del tuo medico, del tuo personal trainer o della tua estetista non entro in merito al motivo per cui nessuno di loro ti abbia rivelato aspetti poco comuni in merito alla tua ritenzione.

 

  • Forse non sanno o non conoscono tutto quello che sto per raccontarti.
  • Forse lo sanno ma non hanno gli strumenti e la conoscenza per aiutarti, quindi meglio far finta di nulla.
  • Forse come il 99% degli operatori in circolazione hanno a cuore solo il tuo portafogli.

 

Davvero non so come stiano realmente le cose.

 

Di certo se sei qui a leggere o sei una curiosa o tutto quello che ti hanno proposto fino ad oggi ha fallito nel tentativo di offrirti i risultati che cercavi.

A te il compito di stabilire se le tue scelte fino ad oggi sono state felici e se i risultati che speravi li hai raggiunti o meno.

 

A cosa mi riferisco?

Riparto dalle 2 tipologie di ritenzione di cui ti ho già parlato in molti dei miei post pubblicati su Facebook e Instagram.

 

FALSA O VERA RITENZIONE?

 

Metto il punto su questo aspetto perché è di importanza vitale per le donne del mondo, per le donne italiane.

Di vitale importanza per te.

 

2 ritenzioni differenti che hanno 2 cause differenti.

 

Parto dalla meno comune.

 

Cosa intendo?

Dammi un attimo ora ci arrivo.

Prima lasciami dire una cosa importante.

Quando affermo meno comune faccio riferimento ai dati in mio possesso che ho raccolto in questi 11 anni di attività sul campo.

Troppo spesso in giro per il web vedo e sento colleghi o altri professionisti appellarsi alla scienza o all’ultimo studio casomai fatto negli Stati Uniti con 30 donne tra i 40 e 55 anni tenute sotto controllo 24 ore su 24 in cliniche super attrezzate.

Seguite da staff medici e atletici di decine di persone.

 

Chi potrebbe farlo nella vita reale?

Tu?

Io?

 

Facciamo i seri un momento.

 

Ora non voglio dire che gli studi scientifici non contino, non voglio dire che il lavoro fatto dai ricercatori non debba servire a noi come il filo di Arianna servì a Perseo per uscire dal labirinto del Minotauro ma poi tutte queste informazioni dobbiamo calarle nella realtà.

Dobbiamo studiare il terreno di scontro e muoverci di conseguenza.

Una clinica super tecnologica non rappresenterà mai la realtà in cui sei immersa tutti i giorni.

 

Io non faccio il professore o il traduttore di studi ma il tecnico.

 

Ho sempre odiato parlare su internet e sarei rimasto volentieri a lavorare nel mio studio di Roma ma i tempi cambiano, nascono nuovi modi di comunicare  e così ho dovuto fare anche io.

Anni fa forse io e te non avremmo neanche avuto modo di scriverci e di conoscerci come stiamo facendo ora.

Quello che studio va poi applicato e traslato nella vita comune di una donna spesso impegnata e spesso con altre situazioni che possono a volte interferire in maniera netta sui risultati che riuscirai ad ottenere.

Non essendo tu parte di quella schiera di donne che hanno partecipato a questo studio piuttosto che ad un altro e non avendo la possibilità di essere monitorata o testata in centri specializzati quello che ti dirò ti sarà sicuramente più utile di quanto faresti nel leggere le solite menate e le solite traduzioni di soluzioni che vengono dagli States o da altre nazioni.

 

La realtà è molto differente.

 

Io ti porto la mia esperienza, quello che in questi anni ho scoperto testando, valutando e allenando, insieme al mio staff, oltre 2000 donne.

 

Cosa ho scoperto in questi anni?

Che nel 17% dei casi la ritenzione di cui spesso molte donne si lamentano e dalla quale non si riescono a liberarsi è davvero causata da un eccesso di liquidi.

 

Cause?

Differenti anche in questo caso.

Salvo gli aspetti patologici come possono esserlo malattie del fegato o dei reni la VERA RITENZIONE IDRICA spesso ha dei tratti comuni nella maggior parte delle donne:

 

  • Eccesso di sale nella dieta
  • Eccesso di carboidrati nella dieta

 

E un terzo aspetto di cui ti parlerò trà un po’ perché gioca un ruolo centrale anche nell’insorgenza della FALSA RITENZIONE IDRICA.

 

VERA RITENZIONE IDRICA

 

CAUSA NUMERO 1 DI VERA RITENZIONE: Eccesso di sodio alimentare.

Una dieta di base ipersodica ( troppo sale ) scatena un meccanismo di ‘ritenzione’ di liquidi in quanto il tuo corpo deve mantenere entro certi livelli le proporzioni tra acqua ( definita solvente ) e sodio ( definito soluto ).

Quando mangi salato il tuo cervello percepisce questo squilibrio e tramite il segnale della sete ti ricorda che è giunta l’ora di bere.

 

Più sodio.

Più acqua trattenuta.

Più ritenzione.

 

Non fare però l’errore di eliminare completamente il sodio della tua dieta perché questo altro estremo provoca anch’esso ritenzione.

 

In che modo?

Se il sodio nel tuo corpo scende troppo il tuo cervello percepisce questa carenza e attiva un ormone antidiuretico, l’aldosterone, che tende a riassorbire il sodio attraverso i reni.

 

Riassorbimento di sodio = maggiore ritenzione.

 

Attenzione a questo aspetto.

 

 

CAUSA NUMERO 2 DI VERA RITENZIONE: Eccesso di carboidrati nella dieta.

 

Sei mai stata a cena fuori con le tue amiche?

Io credo che anche nel caso tu sia la persona meno sociale del mondo una pizza fuori debba averla mangiata almeno una volta.

E forse non solo quella.

 

Bruschette.

Pane.

Supplì.

Condimenti vari.

Il dolce finale.

 

E altro ben di Dio che per non urtare la sensibilità di chi leggerà questo articolo preferisco non includere.

 

Cosa è accaduto in questo caso?

Hai introdotto nel tuo ‘inusuale’ pasto un quantitativo maggiore di carboidrati e zuccheri in più rispetto a quanto fai di solito.

La chimica ha fatto il resto.

Se sei appassionata di materie scientifiche come me sai molto bene 1 grammo di zuccheri ‘trattiene’ 4 grammi di acqua.

 

 

Più zuccheri nella dieta introdotti in un breve lasso di tempo = maggiore acqua legata = aumento della ritenzione.

 

 

Se vuoi vedere la tua cena fuori al microscopio oltre a un maggiore quantitativo di carboidrati hai ecceduto con il sale e questo ha creato un doppio effetto da ritenzione.

 

 

Sodio in eccesso = Maggiore Ritenzione per effetto diluizione dell’acqua

Zucchero in eccesso = Maggiore Ritenzione per legame chimico tra acqua e glucosio

 

 

Comprendi ora perché il giorno dopo sarà facile leggere sulla tua bilancia un paio di chili in più.

 

Cosa ti manca per ‘diagnosticare’ la tua vera ritenzione?

Il tono muscolare.

Di base affinchè tu possa dire di essere in condizioni di reale eccesso di liquidi devi avere mantenuto all’interno del tuo organismo una percentuale e un quantitativo accettabile di tono muscolare.

 

Di quanto tono muscolare sto parlando?

Come comprenderai trà un po’ quando ti parlerò di falsa ritenzione scoprirai le cause di questa carenza e perché nell’87 % dei casi mi sono trovato davanti a questa condizione.

 

 

RIEPILOGO RAPIDO SULLA VERA RITENZIONE: Cosa devi portarti a casa?

Punto 1Quando introduci troppo sodio nella tua dieta il tuo cervello allerta il tuo corpo attraverso il segnale della sete inducendoti a bere di più per diluire il sodio.

Punto 2Quando il tuo pasto diventa eccessivamente glucidico ( troppi carboidrati rispetto alla norma ) per legame chimico trattieni 4 grammi circa di acqua per ogni grammo di carboidrati introdotti.

Punto 3Il tuo Tono Muscolare deve esser mantenuto entro certi limiti che corrispondono ad almeno 1300 Kcal rispetto al tuo metabolismo di base.

 

 

In condizioni di vera ritenzione puoi drenare e sudare svolgendo lavoro aerobico per eliminare i liquidi in eccesso ponendo attenzione a non perdere tono muscolare!

 

 

 

FALSA RITENZIONE IDRICA

Falsa Ritenzione: come scoprirla?

 

Non so da quanto mi leggi, se già segui la mia pagina fan su Facebook o se è la prima volta che hai a che fare con me.

E’ un argomento che ho trattato già più volte, non in maniera così approfondita, e ne ho fatto un argomento di primo interesse soprattutto perché nessuno fino ad oggi era mai sceso così a fondo differenziando in maniera così netta le variazioni della ritenzione in vera o falsa.

 

Cosa la caratterizza?

Cause differenti.

2 su tutte: carenza di tono muscolare e infiammazione cellulare.

 

Cosa ha a che fare il tuo tono muscolare con la ritenzione idrica?

Spesso mi piace chiarire questo aspetto facendo un esempio molto semplice perché credo che anche in questo caso possa esserti utile.

Prima di procedere voglio ricordare anche a te che il tuo tono muscolare è la più grande riserva di acqua che il tuo corpo possiede e alla quale chiede aiuto quando è in difficoltà.

Proprio l’acqua dei tuoi muscoli diventa la responsabile della falsa ritenzione idrica.

 

In che modo?

Partiamo dall’esempio di cui ti parlavo qualche riga più in alto.

Prendi una bottiglia.

Se non è piena d’acqua fino all’orlo riempila perché dobbiamo ricreare una condizione che si avvicini il più possibile alla condizione reale dei tuoi muscoli.

Effettua dei fori sulla superficie di plastica.

 

Cosa potrebbe accadere praticando dei piccoli fori sulla sua superficie?

Ora hai 2 possibilità: munirti di un punteruolo e seguire le indicazioni che ti ho dato in alto oppure tentare di immaginare cosa potrebbe accadere.

 

GUARDA IL VIDEO!

[video_player type=”youtube” style=”1″ dimensions=”853×480″ width=”853″ height=”480″ align=”center” margin_top=”0″ margin_bottom=”20″ ipad_color=”black”]aHR0cHM6Ly95b3V0dS5iZS9ablZtQ1A1U1BFVQ==[/video_player]

In un caso o nell’altro l’acqua tenderà a fuoriuscire come ti ho appena mostrato nel video.

E’ la stessa situazione che accade nel tuo corpo quando i tuoi muscoli per tutta una serie di motivi tendono a danneggiarsi.

 

Cosa causa la perdita del tuo tono muscolare?

Diverse situazioni.

Aspetti che affronto in maniera dettagliata nelle mie consulenze attraverso le strategie uniche del metodo zero infiammazione.

Ma una in particolar modo su cui spesso pongo l’accento e sulla quale mi sto spendendo da tempo è l’infiammazione cellulare.

 

Cosa è l’infiammazione cellulare?

Una semplice alterazione ormonale che può essere considerata la naturale conseguenza dello stress cronico.

Alla base c’è un’alterazione nella produzione di cortisolo, un potente ormone antinfiammatorio che il tuo corpo produce, che se mantenuta inalterata nel tempo tende ad attaccare i tuoi tessuti molli: i tuoi muscoli in primo luogo.

Attaccando i tuoi muscoli li danneggia permettendo all’acqua di fuoriuscire e di trasformarsi in acqua da falsa ritenzione o ritenzione da sostituzione.

 

Perché da sostituzione?

Perché l’acqua contenuta all’interno del tuo corpo prende il posto del tuo tono muscolare.

Questi liquidi vorrebbero anche fuoriuscire per liberarti da questo pesante fardello e da questo odioso inestetismo ma complice la struttura del tuo corpo e dei tuoi tessuti restano intrappolati e si depositano, anche grazie alla forza di gravità, verso gli arti inferiori.

 

Come puoi ‘diagnosticare’ la tua falsa ritenzione?

Esistono differenti modi.

Differenti strumenti, più o meno precisi, che stimando e misurando i livelli di acqua del tuo corpo possono stabilire se tu ti trovi in condizioni di Vera o Falsa Ritenzione Idrica.

Ma il mio obbiettivo con questo articolo è quello di fornirti un rapido strumento per stabilire in breve tempo se questa sia proprio la tua condizione.

 

Sintomi.

 

Spesso te ne parlo nella mia pagina fan e nel mio gruppo privato zero infiammazione club dove più volte ho offerto informazioni rapide per permetterti di stabilire la presenza di infiammazione cellulare e di falsa ritenzione.

 

Ad esempio se da tempo ( bastano anche pochi mesi ):

 

  • La mattina ti svegli stanca
  • La mattina ti alzi e non hai fame
  • Durante la giornata hai spesso sonno
  • La sera hai spesso voglia di cibi dolci e salati
  • Soffri di stitichezza a fasi alterne
  • Hai spesso bruciore di stomaco
  • Sei sempre stanca
  • Hai spesso le gambe e i piedi doloranti
  • Hai grasso sulla pancia che non va via con dieta e attività fisica
  • La tua ritenzione idrica è in aumento anche se sei a dieta e ti alleni spesso
  • Il tuo umore varia senza motivo

 

…è davvero probabile che tu ti trovi in condizione di :

 

  • Stress Cronico
  • Infiammazione Cellulare
  • Falsa Ritenzione idrica

 

 

…e questo si traduce in una perdita importante di tono muscolare ( la sarcopenia ) come più volte analizzato.

 

 

E questa è la classica situazione che si verifica quando:

 

  • Fai diete troppo restrittive ( sotto le 1200/1300 Kcal )
  • Ti alleni troppo senza il giusto riposo ( tieni sempre alti i livelli di cortisolo, soprattutto di sera, danneggiando il tuo tono muscolare )
  • Eviti di fare colazione
  • Mangi troppo a cena
  • Hai disturbi del sonno che ti impediscono di abbassare i livelli di cortisolo e di riposare correttamente.

 

Tutte situazioni che spesso molte delle mie clienti hanno riscontrato in questi anni e che ho trattato in maniera importante.

 

 

RIEPILOGO RAPIDO SULLA FALSA RITENZIONE: Cosa devi portarti a casa?

 Punto 1Se i tuoi livelli di stress/fatica sono troppo elevati a causa di eccessivo allenamento, diete troppo restrittive, carenza di sonno tendi a perdere tono muscolare per eccesso di cortisolo.

Punto 2Se lo stress si prolunga eccessivamente trasformandosi in infiammazione cellulare la perdita di tono muscolare aumenta, come aumenta un altro indicatore che è il grasso sulla pancia e sui fianchi.

Punto 3Il tuo Tono Muscolare in questo caso è sotto il livello minimo previsto che corrisponde a circa 1300 Kcal rispetto al tuo metabolismo di base.

 

 

In condizioni di falsa ritenzione non devi drenare e sudare eccessivamente perché hai meno acqua del dovuto nel tuo corpo ma devi ricostruire tono muscolare!

 

 

Ora immagino che ti starai chiedendo, ma come diavolo faccio ora che ho scoperto di soffrire di falsa ritenzione, ad eliminarla?

Come hai capito leggendomi non sono uno da bacchetta magica ma uno che ti dice che per ottenere risultati devi darti da fare, mettendo un piede dietro l’altro perché solo così potrai trovare la strada giusta per te.

E il sentiero giusto per te è solo quello che, negli anni,  ho preparato con cura per te in zero infiammazione.

 

A presto

 

Danilo

 

Ps: prima di andare via lascia un tuo pensiero qui subito in basso.

 

 

 

Lascia qui il tuo commento.

 

NON FERMARTI QUI
CONTINUA A LEGGERE