Cos è l’INFIAMMAZIONE di BASSO GRADO? Il killer silenzioso.

Molto spesso quando mi trovo ad affrontare questo argomento mi stupisco di come tu non ne sia già a conoscenza.
Si tratta di un fenomeno metabolico-ormonale che se vogliamo vederlo da un punto di vista clinico colpisce oggi oltre 8 persone su 10.

Se da tempo per esempio…

 

  • La mattina ti svegli e non hai fame.
  • La notte ti svegli più volte per andare in bagno.
  • La mattina ti svegli e sei già senza energie.
  • Tendi a svenire dal sonno subito dopo pranzo.
  • Soffri di stanchezza costante.
  • Il tuo umore varia senza motivo più volte
  • Tendi ad ingrassare su pancia e fianchi
  • La tua ritenzione è in aumento anche se sei a dieta e ti alleni spesso

 

…è ( quasi ) certo che tutto questo ti riguardi.

 

Eppure nessuno te ne parla.
 
O per lo meno tutto questo viene appena accennato e continuo a non comprenderne la ragione o forse ne sono pienamente consapevole ma voglio evitare di giungere a conclusioni poco lusinghiere.

 

Hai mai la sensazione che vogliano tenerci nascoste verità importanti?

Ho tentato più volte nei miei undici anni di carriera professionale di trovare motivi plausibili ma a parte i 3 che sto per elencarti non so cosa altro aggiungere:

 

  • Qualche professionista non conosce questo aspetto perché aggiornarsi continuamente non è per tutti.
  • Altri lo conoscono ma siccome fanno un po’ di tutto sono fermi all’aspetto superficiale dell’argomento ed evitano di intervenire per non procurarti ancora più danni.
  • Il mondo delle grandi aziende farmaceutiche vuole che tu non guarisca perché altrimenti i farmaci a chi potranno poi rifilarli.

Resta una mia idea frutto di anni di attente riflessioni e non per forza deve essere anche la tua .
Ma in fondo ora che ti sto facendo riflettere non credo che io e te la pensiamo poi in maniera così differente.

Ricordo una cosa che mi apparsa sotto gli occhi tempo fa.
Ora te lo racconto.

 

Conosci il TIME?

Per evitare di commettere errori se non sai di cosa sto parlando cito testualmente ciò che descrive la famosa enciclopedia online Wikipedia:

 

TIME  è un settimanale di informazione pubblicato negli Stati Uniti d’America a partire dal 1923. TIME è la rivista settimanale di notizie più diffusa nel mondo con 26 milioni di lettori, 20 milioni dei quali negli Stati Uniti. 

 
Non proprio Topolino.
Ma non voglio parlarti della tiratura del TIME del settembre 2018 quando in copertina andò Matteo Salvini come ‘il volto nuovo d’Europa’ ma di qualcosa accaduto qualche anno prima.

Facciamo un passo indietro.

Anno 2004.
Mese Marzo.
Giorno 1.

 

Perché questa data?

[images style=”1″ image=”http%3A%2F%2Fwww.zeroinfiammazione.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2018%2F12%2Ftime-2-2.png” width=”794″ align=”center” top_margin=”0″ full_width=”Y”]

Un settimanale, anzi il settimanale più famoso scosse il mondo della salute parlando di “ KILLER MISTERIOSO” e considerandolo la principale causa di alcune tra le patologie più comuni oggi esistenti avrebbe dovuto scuotere almeno un po’ le nostre coscienze.

 

Ma nulla.
Tutto tenuto sapientemente nascosto.
Tutto insabbiato.

 

Eppure l’infiammazione di basso grado è stata definita un vero e proprio killer e non solo dal TIME, ma anche da varie riviste internazionali.

Anche in casa nostra se ne parla da tempo.
Per esempio Repubblica ha dedicato più volte interi articoli a questo argomento e così ha fatto anche la rubrica online di Leonardo Benessere.

[images style=”1″ image=”http%3A%2F%2Fwww.zeroinfiammazione.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2018%2F12%2FCorriere-2-2-1.png” width=”1024″ align=”center” top_margin=”0″ full_width=”Y”]

 

[images style=”1″ image=”http%3A%2F%2Fwww.zeroinfiammazione.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2018%2F12%2FLeonardo-2-1.png” width=”1024″ align=”center” top_margin=”0″ full_width=”Y”]

Potrei andare avanti ancora per molto ma l’articolo che leggi non ha l’obbiettivo di diventare una rassegna stampa.
Lo so che stai pensando che dopotutto siccome la tua salute non è così disastrosa forse non c’è nulla di cui preoccuparsi.

 

Questo Killer è molto più vicino di quanto pensi.

 

So che spesso sentir parlare del termine infiammazione può farti venir in mente qualche classico disturbo articolare come un mal di schiena o altro ma qui siamo su di un altro livello.

Un dolore acuto, forte e insopportabile è spesso causato da un infiammazione di alto grado definita acuta che mette in moto tutti quei meccanismi di autoriparazione e autoguarigione del tuo corpo.

 

Un dolore, un rossore o un gonfiore ti rendono cosciente del tuo problema e ti spingono ad attivarti.

Che si tratti di prendere un farmaco, di andare dal tuo osteopata o di utilizzare i rimedi della nonna percepisci che qualcosa non va e corri ai ripari.
Non vuol dire che imbottirti di medicine sia la soluzione ma almeno nell’immediato ci hai messo una pezza.

 

Ma quando si parla di infiammazione cronica di basso grado i giochi si complicano.

 

E non importa se alcuni la definiscano killer silenzioso, killer segreto o killer nascosto: il fatto principale è che agisce a tua insaputa senza dare segni e sintomi significativi almeno nelle prime fasi.

Poi alcuni inestetismi come ritenzione e cellulite nelle donne e circonferenza addominale eccessiva negli uomini iniziano a farti percepire che qualcosa non è più come prima.

Casomai fai anche attenzione a svolgere attività fisica con regolarità e a mangiare discretamente bene ( cosa voglia dire devo ancora capirlo! ) ma ti accorgi che il tuo corpo inizia a rispondere in maniera strana agli alimenti che anni fa consumavi con regolarità.

 

Tutto quello che mangi ti crea acidità.
Al minimo sforzo ti affatichi e hai il fiatone.
Tutto quello che facevi a 20 anni con enorme successo oggi non funziona più e non sai spiegarti il perché.

 

Il TIME e Repubblica definiscono l’infiammazione di basso grado responsabile di alcuni degli inestetismi più diffusi:

 

  • Cellulite
  • Ritenzione Idrica
  • Perdita di Tono Muscolare
  • Tendenza ad ingrassare

E a lungo andare di alcune tra le patologie più diffuse e più invalidanti:

 

  • Osteoporosi
  • Sindrome Metabolica
  • Obesità
  • Alcune forme di cancro
  • Fibromialgia
  • Diabete di tipo II

 

Ora permettimi di farti la stessa domanda che di solito con il mio staff poniamo ai partecipanti dei nostri eventi dal vivo: conosci qualcuno a te vicino colpito da diabete?

 

Ora non so quale sarà la tua risposta ma in media 9 persone su 10 in Italia hanno tra i loro contatti almeno 1 persona affetta da Diabete.

[images style=”1″ image=”http%3A%2F%2Fwww.zeroinfiammazione.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2018%2F12%2Fobesit%C3%A0-in-Italia.jpg” width=”829″ align=”center” top_margin=”0″ full_width=”Y”]

E il dato non si allontana poi tanto dalla realtà: in Italia circa 5 milioni di persone sono colpite da diabete di tipo II.

 

Pochi? Tanti? Troppi?                  

 
Lascio a te il compito di trarre le giuste conclusioni essendo consapevoli che nel 2025 il 65% della popolazione mondiale sarà obesa o in forte sovrappeso.

 

Dopo tutta questa premessa vogliamo almeno dirci da cosa è provocata l’infiammazione cronica di basso grado?

 
I fattori sono molti.

Senza fare voli pindarici i primi 3 ormai riconosciuti da tutto il mondo civile ( se così possiamo definirci ) sono rappresentati da:

 

  • Alimentazione sbilanciata caratterizzata da eccesso di zuccheri e alimenti dallo scarso potere nutrizionale.
  • Mancanza di attività fisica: se mantieni una buona presenza di tono muscolare hai a disposizione il più potente antidoto naturale contro l’infiammazione di basso grado.
  • Stile di vita poco salutare: la carenza di sonno e la mancanza di adeguato riposo sono 2 tra le cause principali.

 

E questo lo hai già sentito più volte.

Che devi mangiar bene, allenarti e fare la vita tipica del monaco tibetano lo avrai sentito mille volte almeno fino a farti sanguinare le orecchie, in tutte le lingue e in tutte le salse.

Il tuo medico con la circonferenza addominale più ampia della tua ti ha sicuramente consigliato più o meno tutto questo:

 

  • Devi ridurre lo stress perché altrimenti ti ammali.
  • Devi fare la dieta e mangiare integrale.
  • Devi fare attività fisica con regolarità.
  • Vai a passeggiare al parco 30 minuti al giorno.
  • Devi…
  • Devi…
  • Devi…

Insomma tanti doveri e pochi piaceri.
Forse te la sei cercata un po’ ma ora non è questo il punto.

 

Lo ammetto.
In questi anni anche io ho cercato di imporre ai miei clienti e alle mie clienti un drastico cambiamento dei propri stili di vita da un giorno all’altro e in brevissimo tempo.

 

[images style=”1″ image=”http%3A%2F%2Fwww.zeroinfiammazione.it%2Fwp-content%2Fuploads%2F2018%2F12%2Fdiete-fallimentari.jpg” width=”1280″ align=”center” top_margin=”0″ full_width=”Y”]

Casomai su qualcuno ha anche funzionato: l’eccezione che conferma la regola esiste ed è reale.

 

Regola fondamentale: ritorniamo preda delle nostre abitudini!

 

E’ così per le diete se ne hai mai fatta una.

E’ così per chi si iscrive in palestra e dopo massimo 2 mesi abbandona perché lo sforzo iniziale è troppo forte e nessun essere sano di mente continuerebbe a svolgere un’attività dolorosa senza goderne.

E’ così per chi fuma 50 sigarette al giorno e smette di colpo senza la necessaria gradualità: in breve tempo riprende a spippettare peggio di prima.

Allora mi sono chiesto se in questo mondo sempre più complesso dove internet rende ormai tutto ogni giorno più confuso le persone siano in possesso di una buona bussola per orientarsi nel mare magnum della promozione della salute.

Un oceano sempre più affollato da pillole magiche, strani bibitoni e metodi dal potere bizzarro ma dove stranamente l’infiammazione cellulare di basso grado sembra non trovare spazio.

 

E soprattutto raccontami e rispondimi con sincerità:

 

  • Sei in grado di capire a chi affidarti senza conoscere la materia?
  • Hai i soldi per sostenere nel tempo le diete che come sai costano uno sproposito?
  • Hai il denaro a sufficienza per andare in palestra o per rivolgerti per sempre ad un nutrizionista?
  • I tuoi figli a chi li lasci quando vai ad allenarti?
  • Conosci tutte le migliori tecniche per tenere sotto controllo lo stress?
  • La sera riesci a rinunciare a pasta e pane che in condizioni di infiammazione rappresentano per te un disastro completo?
  • Potrai passare un’intera vita mangiando insalatina e petti di pollo sconditi?

 
E per quanto, come affermava l’imperatore Marco Aurelio, ti sforzerai di resistere travestendoti da scoglio la marea degli eventi della tua vita sarà sempre più impetuosa e cercherà di travolgerti alla minima disattenzione.

Ma questo non devi spingerti a pensare ‘ormai per me è troppo tardi’ perché sono certo che le scelte che hai fatto sono state più volte frutto di eventi fuori dal tuo controllo e oggi di certo non puoi, schioccando le dita, cambiare tutto all’improvviso.

Proprio per questo in questi anni insieme al mio staff abbiamo cercato senza sosta, anche cadendo più e più volte, di strutturare un metodo che ti permettesse di:
 

  • Ridurre l’infiammazione cellulare di basso grado.
  • Ridurre l’eccesso di zuccheri della tua dieta.
  • Fare tutto questo senza cambiare le tue abitudini in maniera drastica.

 

Dopo anni di ricerche alla fine ci siamo riusciti.
 

Ora so che forse ti starai chiedendo ‘dove posso trovare tutto questo’?

 

Vai qui e scopri il metodo zero infiammazione.

A presto

 

Danilo

 

 

Lascia qui il tuo commento:

NON FERMARTI QUI
CONTINUA A LEGGERE